Attivita

Negli anni, diverse sono state le attività commerciali che hanno permesso al paese di crescere e farsi conoscere, attività che certamente i giù giovani non conoscono, ma delle quali i loro nonni siamo sicuri hanno memoria poiché colonne portanti del nostro paese e della sua identità.

Di seguito, in dialetto, alcune di queste attività e un po’ della loro storia, in un elenco che vogliamo nel tempo aggiornare e condividere così da salvaguardarne la memoria.

Distributore di benzina piazza Roma
El Davide Venturini detto “El Sa” con el so distributor de benzina e laboratorio l’era proprio bel, stando li l’era bon de inventarse un quadro o una cornisa de tronchetti de vegna secca, penso che el so capolavoro sia stà averse pitturà le braghe e la giacca con vedute de Verona con el so capel l’era proprio una figura, el lo sfoggiava in piassa Brà al luni, sentà sulle careghe del Liston di un bar serà.

Negozio via Belfiore
El Nelo el gavea na piccola bottega difronte la cesa ma lu stansiaa in piassa con un caretto fatto a cuore con de sora de tutto, dalla bole, alla farina castagnasa, alle ligorisie sbuse per aspirare la polvere o i mandrigoli d’inverno, ghiacioli e granatine tutto di propria produzione, ghiacciolo a 10 lire d’istà, in pratica la domenega con 30 lire prendevi qualche cosa dal Nelo e andavi al cine, naturalmente serviti con le dita rigorosamente maron dalle ciche, dalla bole o parchè el tocaa da partuto.

Carretto dolciumi
Attorno alla piassa zo per la strada per andar al cimitero ghera na doneta, la Maria patatina, sorela de Piero campanar, la gavea do gambe come l’arco de Robinud e la faceta rotonda con do mace rosse sulle ganasse, la caminaa a fianco de la so bicicletta portando sul manubrio una vetrinetta per non impenirla de polvere le quattro pastine e caramelle cha la vendea par el paese.

Negozio di dolciumi via Vittorio della Vittoria
N’antra figura che merita de ricordare l’è la Maria ciciona, la gavea na boteghette dopo el Don, anca ela la gavea dolciumi ma anca qualche dettersivo e na poca de verdura.

Bar
Da l’altra parte del paese ghera el bar sport del Sega che par vinti franchi el Sergio te portaa na spumeta granda, con lu a darghe na man el Bruno Pastor n’altro che t’el racomando.

Negozio generi alimentari
La botega de Giacometi, el Sanca per gli amici, un genere alimentari cosi caro ma solo dei prezzi no parchè i ghe volea ben.

Osteria via Colonnello Fasoli
Ancora el ghè, el dopolaoro ostaria, o al Cacciatore come ancora el se ciama, mi no so come i fasea ma li le trippe jera sempre pronte, la dominica do tripette e un bicier de rosso, sopratuto dopo messa l’era un toccasana, a casa se l’andava ben te cuccai ancora qualc’osa, se andava cosi, cosi te seri za nutrio.

Latteria via Colonnello Fasoli
Avanti sinquanta metri ghera la latteria de la Tanina, botega decorosa, con le trenta lire del pulman risparmiè se toleeno la panna montata.

Negozio generi alimentari via Colonnello Fasoli
Sempre ndo ghè el Noi e al capitel ghera do boteghe di alimentari dei Pola

Negozio prodotti agricoli via Colonnello Fasoli
Darente al Noi ghe sempre stà anche i Moschini fornitori de sementi

Osteria via Colonnello Fasoli
Al capitel ghera l’ostaria al Lago de la Maria Supini, una foto testimonia ancora che al tempo ghera na taola in meso la strada piena de acqua, quatro che zugaa a carte e uno col balansin che el pescaa

Negozio generi alimentari via Ca’ di Aprili
Andando verso Cà Davrili ghera la bottega della Tania, Russa, la moglie di Caporali salvato nella ritirata dalla Russia, portata in Italia come sdebito, fatta dormire nella stalla da le sosorele de lu parchè i russi i maya i buteleti si raccontava.

Negozio generi alimentari via Ca’ di Aprili
Ancora più avanti ghera la bottega di generi alimentari del Mani, capo storico dei comunisti, anca per questo Càdavrili le sempre stà la piccola Russia.

Osteria via Ca’ di Aprili via Ca’ di Aprili
Par magnar ghera anca l’ostaria del Puci

Barbiere via Ca’ di Aprili
A Cà Davrili ghera anca un barbier, picolo ma simpatico

Osteria via Caprara
Verso San Giovani ghera l’ostaria della Messicana, una bela dona alta mora de classe, moer del Pellico

Tabaccheria
Par ci volea qualche zugheto, caramele o sigarete, ghera le Fasolete, tre sorele tabachine, l’era belo vederle quando le andava verso el centro, la più granda davanti, la media e per ultima la più picola anca un po’ gobeta, in qualunque parte le andasse la formasion l’era questa.

Negozio generi alimentari
Ghera anche el Ciocheta con la so bottega de generi alimentari