LETTERA DA UN PAESANO

Per la nostra rubrica “Lettera da un paesano“ questa volta vogliamo parlarvi di razzismo, un argomento che a Verona in queste settimane ha fatto tristemente da protagonista per quanto successo al calciatore Mario Balotelli.

Ma non è del calciatore che oggi vogliamo scrivere bensì di un artista, Pier Paolo Spinazzè meglio conosciuto come “Cibo“, street art che da anni con i suoi murales a tema culinario da nuova vita a muri pubblici e luoghi abbandonati combattendo allo stesso tempo razzismo e omofobia.

Anche nel nostro paese possiamo trovare diverse sue opere e alcune di queste, mi permetto di dire “orgogliosamente”, le abbiamo pubblicate anche sul nostro canale Instagram, immagini che hanno coperto svastiche, croci celtiche e scritte vergognose che in un paese civile non capiamo ancora come possano essere anche solo pensate.

Ma perché stiamo parlando di Cibo vi starete domando, il motivo è presto detto, dopo insulti e svastiche disegnate anche sulla casa dei suoi genitori la macchina di Pier Paolo è stata recentemente fatta esplodere con una rudimentale bomba carta, un gesto di odio verso qualcuno che ha voluto prendere una posizione chiaro contro il razzismo e l’ignoranza di persone che “combattono” in nome di chissà quali valori di patriottismo.

Di seguito le parole di Pier Paolo Spinazzè in un messaggio di amore che vogliamo condividere con tutti i nostri lettori, “Grazie a tutti per i messaggi di solidarietà! Purtroppo Verona è ostaggio di queste persone, ma la cosa grave è questo odio trova copertura nella politica locale. Per noi scaligeri è folklore che un consigliere faccia il braccio teso in consiglio comunale, oppure che altro consigliere cancelli il murales sul femminicidio o sindaci che sminuiscono atteggiamenti razzisti di una minoranza minorata. Le istituzioni hanno perso il valore della parola, la memoria, il rispetto, l’empatia. Come dicevo prima, siamo ostaggio, noi veronesi di cuore e di cultura siamo assediati dall’odio, ma non per questo deve passarci l’appetito, anzi! Per quel che mi riguarda ho MOLTA FAME! Siate la persona che volete incontrare, siate buoni! Verona, ama!”.