LA VERONA SUD DI BISINELLA

Nella giornata di ieri, presso il Palazzo Bauli, si è tenuta una conferenza stampa sulla riqualificazione di Verona sud a cura della candidata Sindaco Patrizia Bisinella, del Sindaco uscente Flavio Tosi e dagli Assessori Gian Arnaldo Caleffi e Marco Ambrosini.

Di seguito l’intervento unificato dei relatori intervenuti:

“Oggi vogliamo fare una sintesi di quelle che sono le prospettive e la visione della nostra Verona Sud, un quartiere che negli ultimi 10 anni è cambiato moltissimo, facendo un salto di qualità e diventando vera e propria porta di accesso della nostra città.

Come sempre ciò che propongo è concreto, reale e subito realizzabile senza lungaggini e tempi di attesa, voglio che questa zona diventi la vera Work Area 4.0 di Verona, rappresentando quindi l’operosità e il volto instancabile della nostra città che cambia, nell’ottica della rigenerazione urbana di aree dismesse e della creazione di verde, impiantistica e nuova viabilità con una Zai ormai poco agricola e industriale, ma rivolta all’impresa del futuro ed al rinnovamento la quale riqualificazione passerà attraverso i seguenti punti:

Completamento della 434, liberando i quartieri dal traffico di attraversamento, con il collegamento con Basso Aquar e via Torbido, al fine di bypassare Borgo Roma e Palazzina, rivitalizzando i quartieri.

Riqualificazione di via Morgagni, che diventerà canale principale di accesso alla Fiera di Verona, per sgravare Santa Lucia e rendere Viale del Lavoro, invece, l’accesso principale verso la città, in questo modo ci saranno due assi portanti paralleli che andranno a depotenziare il traffico e a rendere più vivibili le zone limitrofe.

Realizzazione del People Mover che colleghi il parcheggio scambiatore del filobus con piazza Bra.

Ribaltamento del casello di Verona sud in direzione Milano, poiché l’80% del traffico verso la fiera viene da Milano.

Creazione parcheggio scambiatore da 4.000 posti.

Grazie alla variante della Marangona, bloccata in modo strumentale dal centrodestra dopo che era stata approvata dal consorzio Zai e che noi riprenderemo in mano con il progetto Ikea correlato, realizzazione della variante alla statale 12 tanto attesa dai cittadini per liberare Ca’ di David dal traffico di attraversamento con un nuovo progetto meno impegnativo di quello della Regione e meno impattante per gli espropri in quanto verrà realizzata a ridosso della linea ferroviaria.

Prolungamento di una strada della Marangona, dalla tangenziale allo stadio, nell’ottica di trasformare i quartieri limitrofi da zone di attraversamento a zone residenziali.

Realizzazione del Central Park cittadino ed impiantistica sportiva all’ex Scalo merci.

In conclusione, la Zai sta cambiando volto e sarà sempre meglio, grazie ad Adigeo, Brico, Esselunga sono state realizzate grandi opere viabilistiche altrimenti impossibili, come i 4 svincoli sulle tangenziali, abbiamo una grande visione di città in chiave di rigenerazione urbana, con annesse opere viabilistiche fondamentali per far rinascere questo territorio, lo sviluppo della nostra Verona passa anche dallo sviluppo di questa zona per noi strategica e di vitale importanza.”